ScrivOnline

Sans-serif

Aa

Serif

Aa

Font size

+ -

Line height

+ -
Light
Buio
Sepia

Sara Grimaldi, cantante, compositrice e autrice

 

«Per me la voce non ha limiti e riesco a identificarmi in tutti gli stili perché amo profondamente i suoni che per me sono una cura dell’anima»

Ciao Sara, benvenuta e grazie per la tua disponibilità. Se volessi presentarti ai nostri lettori cosa racconteresti di te quale cantante, compositrice e autrice?

Ciao Andrea e grazie mille per avermi scelta per una tua intervista ne sono onorata! Raccontarsi fa bene intanto e io mi racconto ogni giorno attraverso la musica. Ho dato un senso al dolore e si è trasformato in suono… che dire, una magia unica per certi versi, ma nel mio caso sempre molto sofferta… Non sono mancate le gratificazioni e se oggi sono ancora qua è solo grazie alla musica. Un viaggio attraverso ogni stile e tempo il mio, dall’opera lirica al soul al jazz al pop alla dance music, senza mai fermarsi e sperimentare, scrivere per me, scrivere per altri, fare la corista, la solista, l’insegnante.

Sara Grimaldi
Sara Grimaldi

Qual è stato il tuo percorso artistico che ti ha condotto dove sei ora? Come hai iniziato e quando?

L’inizio è un bel mistero… in realtà la musica comincia appena nasci, ma ero troppo timida e preferivo la danza non avendo punti di riferimento per il canto e la musica. Poi i continui abbandoni da parte della mia famiglia che non mi supportava mai ha fatto si che io isolata e sola decidessi finalmente di dare forma proprio a quella solitudine e mi feci coraggio anche se fu dura… Ebbi la fortuna di capire da sola che solo studiando avrei avuto una possibilità per poi poter lavorare ad un buon livello e così cercai disperatamente un insegnante di canto lirico. Quando la trovai lavoravo già da anni, ma quell’incontro cambiò molte cose e soprattutto qualcuno credeva in me e nella mia voce.

 

Come definiresti il tuo stile di interprete? C’è qualche cantante al quali ti ispiri?

Un giorno per caso ascoltando una colonna sonora, un’aria, cambiò totalmente il mio modo di pensare sul canto, quel brano era cantato da Maria Callas, lei mi ispirò più di qualsiasi altra cantante. Maria non è la classica cantante lirica brava, in lei c’è tutto, nella sua voce c’è il suono del blues, del gospel della sofferenza, tutto meno che il bel compito di leggere bene la partitura e rispettarla, e credo che capire e sentire queste cose sia un privilegio immenso. Dopo di lei e Luciano Pavarotti che io identifico come Dio, molti altri, forse troppi e dico per fortuna che ci sono: Aretha Franklin, Ray Charles, Etta James

 

Tu spazi tra diversi generi artistici, dal blues al jazz, dal pop alla lirica. Quali sono secondo te le differenze artistiche, stilistiche e interpretative in questi generi così apparentemente diversi tra loro che un attento ascoltatore e appassionato di musica dovrebbe conoscere?

Io sono una che sperimenta, ogni giorno. Per me la voce non ha limiti e riesco a identificarmi in tutti gli stili perché amo profondamente i suoni che per me sono una cura dell’anima. Mi rendo conto che non tutti apprezzano il fatto che un cantante possa cantare tutto, ma il concetto di fare musica è molto soggettivo non solo per scelta artistica ma anche individuale. Ad ogni modo, ai miei allievi insegno tutto e ad amare tutta la musica, poi l’attitudine farà il suo corso e farai delle scelte anche in base alle occasioni.

 

Sara Grimaldi
Sara Grimaldi

Qual è stata la più bella esperienza professionale che hai vissuto nella tua arte da raccontare ai nostri lettori, e perché proprio quella?

Esperienze belle ce ne sono tante, ma quelle legate agli eventi per persone che soffrono ti gratificano di più. La musica al servizio della vita e dello stare bene è la sua massima espressione. Una giornata particolare in un reparto di oncologia mi ha fatto capire molte cose e devo ringraziare la mia pianista che purtroppo è scomparsa due anni dopo proprio per un tumore. Proprio lei che era malata mi propose un recital lirico e in un momento difficile della mia vita. Fu un concerto intenso e bellissimo e lei mi diede la forza di farlo… perderla è stato tragico… Ora ho la fortuna di farne altri ed è sempre una gioia immensa soprattutto in quei reparti dove un minuto di musica è sentito come un anno di vita.

 

Chi sono secondo te i più bravi interpreti nel panorama nazionale e internazionale? E con chi di loro vorresti lavorare?

A questa domanda potrei rispondere con minimo 10 pagine di nomi… diciamo che purtroppo però i miei miti veri sono quasi tutti scomparsi purtroppo, ma chi non canterebbe anche per fare un misero coro sul palco con Stevie Wonder? Ecco per citarne uno ancora vivente…

 

Charles Bukowski, grandissimo poeta e scrittore del Novecento, artista tanto geniale quanto dissacratore, in una bella intervista del 1967 disse… «A cosa serve l’Arte se non ad aiutare gli uomini a vivere?» (Intervista a Michael Perkins, Charles Bukowski: the Angry Poet, “In New York”, New York, vol 1, n. 17, 1967, pp. 15-18). Tu cosa ne pensi in proposito. Secondo te a cosa serve l’arte della musica da questo punto di vista?

Credo di aver già risposto prima… ecco sono una chiacchierona o sbaglio le risposte? Ahahah. Bukowski con questa frase lo definirei semplicemente a human being, cosa rarissima al giorno d’oggi. Senza arte il mondo cosa sarebbe? L’arte è cibo per far funzionare meglio il nostro sistema immunitario, arte e omeostasi viaggiano parallele… mi fermo qua tanto Bukowski aveva già detto tutto.

 

Sara Grimaldi
Sara Grimaldi

Oggi esiste un nuovo mondo, quello multi-mediatico e internautico, che si compone di molteplici opportunità per sperimentarsi e lavorare come artista in senso lato, e nello specifico, se parliamo della tua professione, come cantante e musicista. Non a caso, negli ultimi anni, molti grandi nomi di grandissimo successo planetario vengono proprio dal Web e non dai grandi e rinomati Festival o dalla Televisione. Tu come artista come vedi questa nuova prospettiva Web che è divenuta molto complessa ma che forse dà ai giovani artisti di oggi delle nuove opportunità di lavoro e di fare esperienza artistica che fino a pochi anni fa sembrava solo fantascienza?

Mi piacerebbe rinascere oggi e crescere con YouTube… io se avessi avuto YouTube non avrei perso tempo neanche all’asilo e non avrei avuto problemi di isolamento… beati coloro che possono usufruirne subito… la tecnologia fa miracoli… vorrei avere una macchina del tempo e risperimentarmi con migliaia di giga di musica al giorno… se penso come ero ridotta io da piccola per ascoltare musica mi uccidooo…

 

Molti grandi artisti statunitensi, e hollywoodiani in particolare, amano dire “to become a great artist you have to choose: either work or love” (per diventare un grandissimo artista devi scegliere: o il lavoro o l’amore)? Pensi che gli artisti americani, vincitori di Grammy Award, di Dischi di Platino, e di Premi importantissimi, che hanno fatto questa scelta di vita, abbiano torto o ragione? Qual è il tuo pensiero in merito?

Credo che sia falsa questa notizia perché tutte le cantanti famose sono state lanciate dal loro stesso partner… certo spesso miliardario… e a volte anche presidente della Sony music americana… insomma al contrario se non incontri la persona giusta nella maggior parte dei casi non diventi nessuno… c’è da chiedersi invece se sia amore… ma voglio essere ottimista e pensare che in quel frangente sia stato amore… poi si lasciano quasi tutte… in alcuni casi però stanno ancora insieme… Statisticamente è più per le donne però… gli uomini lasciano invece l’amore per la carriera… le donne si innamorano di chi gliela fa fare…

 

Sara Grimaldi
Sara Grimaldi

Immagina una convention all’americana, Sara, tenuta in un teatro italiano, con qualche migliaio di adolescenti appassionati di musica nelle sue varie declinazioni. Sei invitata ad aprire il simposio con una tua introduzione di quindici minuti. Cosa diresti a tutti quei ragazzi per appassionarli al mondo della tua arte che abbiamo detto ha tantissime sfaccettature? Quali secondo te le tre cose più importanti da raccontare loro sulla musica?

Ho fatto spesso seminari per raccontare proprio quanto sia importante questa passione… quindici minuti? Mmm… sono pochi ahahah… con tre cose posso andare avanti ore ahahah

 

Se dovessi consigliare ad una tua cara amica tre concerti da vedere e tre libri da leggere per questa vacanze estive, quali le consiglieresti e perché?

Concerti tantissimi. Io opterei per i grandi protagonisti della musica internazionale tipo i Toto che adoro, Dire Straits e David Guilmour e poi è così bello vedere concerti d’estate!

Per i libri potrei essere ripetitiva, ma io adoro le biografie e consiglierei “My Love Story-Tina Turner”, l’autobiografia pubblicata da Harper Collins… poi ho letto da poco quella di Janis Joplin, bellissima anche quella… e infine un libro interessantissimo di Harriet Lerner “Lezioni di voce. Come parlare per essere ascoltati” … Dopo questi passo a quelli di medicina, ma non li citerei… una mia passione anche quella…

 

A cosa stai lavorando in questo momento?

Ora in piena estate porto avanti le serate estive già programmate, ma non abbandono i miei allievi che hanno concorsi e serate anche loro e tante soddisfazioni in arrivo. In autunno poi riprenderò una serie di progetti tra i quali un bel tributo a Bruno Lauzi… e ci si chiederà perché proprio lui…. venite ai concerti!

Sara Grimaldi
Sara Grimaldi

Dove potranno seguirti i nostri lettori e i tuoi fan?

Potranno seguirmi come credo per tutti sulle pagine di Facebook dove potranno contattarmi anche di persona!

 

INTERVISTA di Andrea Giostra.

 

Alcuni Link

Sara Grimaldi
https://www.facebook.com/Sara.grimaldi.soulsinger
https://www.facebook.com/groups/50584771716/
https://twitter.com/saragrimaldi
http://www.myspace.com/saragrimaldi
http://www.myspace.com/saragrimaldibooking
http://www.reverbnation.com/560705
http://youtube.com/sarita2006

Andrea Giostra
https://andreagiostrafilm.blogspot.it
https://business.facebook.com/AndreaGiostraFilm/

Lascia un commento