ScrivOnline

Sans-serif

Aa

Serif

Aa

Font size

+ -

Line height

+ -
Light
Buio
Sepia

Valutazione cardiovascolare prima dell’attività fisica

Prima di iniziare un’attività fisica, i medici raccomandano di fare sempre una valutazione cardiovascolare.

Che cos’è la valutazione cardiovascolare

La valutazione cardiovascolare prima dell’esecuzione dell’attività fisica è uno “screening” per identificare gli atleti che soffrono di malattie cardiovascolari o coloro che hanno un rischio maggiore di svilupparle.

Per chi è indicata?

Si suggerisce di farla in coloro che si esercitano in modo competitivo o ricreativo da soli o in gruppi informali. Quest’ultima popolazione è particolarmente vulnerabile perché la pratica viene spesso condotta in modo incontrollato e irregolare.

Qual è l’obiettivo?

Tentativi di evitare o ridurre l’incidenza di morte improvvisa o altri eventi cardiovascolari in soggetti senza sintomi o segni di malattia.

Cosa dovrebbe accompagnare questo tipo di esame?

In primo luogo, una indagine conoscitiva: la storia familiare di maggiore rilevanza deriva dal sapere se ci sono parenti di età inferiore ai 50 anni con una storia di morte improvvisa, parenti di primo grado con diagnosi di cardiopatia, storie familiari di cardiomiopatia ipertrofica, aritmie o altre malattie cardiache ereditarie.

Anche una situazione personale di ipertensione è importante, così come sedentarietà, fumo, obesità, depressione, stress. Sintomi come dolore toracico, mancanza di respiro o palpitazioni in relazione agli sforzi, perdita dei sensi durante l’esercizio o fino a un’ora dopo, soffio al cuore e diagnosi definita di patologia cardiovascolare. Infine assunzione di droghe e dipendenze.

In secondo luogo, eseguire un esame fisico costituito da un controllo della pressione sanguigna, auscultazione cardiaca, palpazione delle arterie periferiche.

Gli esami complementari suggeriti sono:

  • Elettrocardiogramma: è un test non invasivo e indolore che registra i segnali elettrici del cuore. Gli elettrodi sono posizionati nel torace e nelle estremità del corpo
  • Ergometria cardiaca: si tratta di uno stress test che consiste nell’esercizio fisico su un tapis roulant o una bicicletta fissa, monitorando la frequenza cardiaca mediante un elettrocardiogramma e la pressione sanguigna.
  • Ecocardiogramma Doppler: è un metodo di imaging diagnostico non invasivo, che ci consente di vedere il cuore in movimento in tempo reale e le sue caratteristiche anatomiche e strutturali. Il Color Doppler viene utilizzato per analizzare il flusso di sangue all’interno del cuore.

Come molti cardiologi consigliamo, è bene sottoposi a questo tipo di controlli al fine di svolgere in modo sicuro l’attività fisica e prevenire eventi cardiovascolari di ogni tipo. Il Centro Medico Rocca dispone di un reparto di cardiologia Piacenza dotato di attrezzatura all’avanguardia per questo tipo di analisi.

Lascia un commento